CHI
SIAMO
 
ESTATE
2018
 
IL PALIO
DEGLI ASINI
 
SONGASTRIBUT
& THE CAMPET
 
LOTTERIA
2018
 
CONTATTI
DOVE SIAMO
 
I NOSTRI
SPONSOR
 
  I RECAPITI DELL'ASSOCIAZIONE
Associazione Giovani di Songavazzo
SEDE SOCIALE:

Via San Bartolomeo, 3 - 24020 Songavazzo (BG)
Info: ghive@email.it

Clicca qui per calcolare con Google Maps la strada a te più comoda per raggiungerci.

Gli eventi principali si svolgono presso il Centro Sportivo Comunale.
Con la collaborazione della Protezione Civile, in occasione degli eventi principali, verrano predisposti parcheggi appositamente segnalati ed indicazioni per raggiungere il Centro sportivo.

Soggiornare a Songavazzo significa trascorrere una vacanza  in un ambiente sereno, tranquillo, che offre una gradevole sensazione di pace; quella stessa che aveva attirato l’attenzione di Giuseppe Verdi, ospite a casa Morandi per lunghi soggiorni. Ma trascorrere le vacanze qui senza visitare le bellezze del paese sarebbe davvero un peccato. E allora  non potete perdere: la visita culturale ed artistica parte della chiesa Parrocchiale di S. Bartolomeo del XVIII secolo, con pulpito, statue, altari e intagli di scuola fantoniana .
L’organo è uno splendido Sarassi del ‘700 e della stessa epoca sono il porticato e il campanile in ceppo locale; delizioso il portale in arenaria con fregi scolpiti e tutte da ammirare le tele di Domenico  e Marziale Carpioni. Poco Fuori paese merita una sosta il Santuario della Madonna Addolorata del XVII secolo sicuramente è da ammirare la statua dell’ addolorata custodita nella cappella eretta all’inizio del viale del cimitero e realizzata da Giovan Maria Benzoni, scultore dell’800 nativo di Songavazzo. Benzoni, maestro in arte e grande “ artigiano” della scultura, venne insignito di vari titoli onorifici: Cavaliere dell’ordine di San Giorgio e di Leopoldo del Belgio, Cavaliere della corona d’Italia … inoltre fu nominato socio di varie accademie  ed istituti. Sono opera di un altro artista locale, Ermenegildo Covelli (scultore del ‘900) le sculture moderne esposte all’ aperto in paese. Artista singolare, Covelli seppe creare armonia fra sue opere  (simili a gioiose preghiere che svettano  verso il cielo ) e la sua terra natia. Fuori dal paese, infine, merita attenzione il ponte sull’ torrente Valleggia, considerato  un lavoro  di ingegneria, è  lungo 128 metri, fu inaugurato  nel 1911 ed è  il secondo ponte in cemento armato realizzato in Europa.

 
CREDITI: VIOLA PUBBLICITA'